29 Mag 2009

Nel nome del Popolo Supino

Scritto da Blog Admin

 

Chi a la scola ha studiato un po’ nun se meravija

De constatà che la storia sempre de la storia e fija,

e se rammarica, certo, ma non se stupisce affatto

de vedè un popolo fa li stessi errori c’ha già fatto.

 

Quanno che er popolo impicca un re o un duce

Nun poi pensà che je s’è accesa in testa la luce

Ora sì, je pare a la gente de capì quer ch’è giusto

Ma già domani der tiranno te ritira fori er busto

 

Er popolo pare ‘n gregge de pecore a li pascoli

Se fa li fatti sua, magna, dorme e ignora li pericoli

Solo quanno arriva er lupo che famelico sogghigna

forte bela disperato a li cani: “aiuto, me se magna!”

 

E puro peggio fa ingrato il nostro gregge tricolore:

Nun vole consiji né da li cani e manco dar pastore

Pasce tignoso e smemorato verso la tana der lupo

E lo crede amico pure si s’avvicinà cor muso cupo

 

Eppur la bestia è para para a quella dell’artra vorta

Ma gnente! la pecora e miope e de memoria corta!

Solo quanno è già azzannata e vede er sangue scorre

S’arivorge lamentosa al pastore p’arifasse soccorre

 

Pasquino

 

Valerio Neri 

Sottoscrivi Commenti

2 Commenti to “Nel nome del Popolo Supino”

  1. “…E ti amo Mariooooo…”
    (non ti mettere spalle al muro, ricordavo solo meglio famoso pasquino, più vivo di quante pecore non vogliano credere… ;)

     

    Mr.B

  2. Ah Bud tu me citi il grande Rino e no che non me metto spalle al muro :)

    Però li pasquini/pastori passano talvolta precocemente… e li lupi/berlusconi restano…

    http://www.facebook.com/home.php?ref=home#/posted.php?id=1214059710&share_id=115572390995&comments=1#s115572390995

     

    Vitangelo Moscarda