3 Feb 2009

VISTO A TEATRO: “Le conversazioni di Anna K”

Scritto da Blog Admin

in scena al Teatro Eliseo 20 gennaio| 8 febbraio 2009

 

GIULIANA LOJODICE in LE CONVERSAZIONI DI ANNA K.

Ispirato a La Metamorfosi di Kafka

testo e regia Ugo Chiti

con Giuliana Colzi, Andrea Costagli, Dimitri Frosali, Massimo Salvianti, Lucia Socci, Alessio Venturini scene Daniele Spisa

costumi Giuliana Colzi

musica originale e adattamento Vanni Cassori e Jonathan Chiti

luci Marco Messeri

produzione Teatro Eliseo / Arca Azzurra Teatro

 

 

 

Trama e recensione 

 

Le conversazioni di Anna K. attingono a La Metamorfosi, senza voler essere un fedele adattamento teatrale del romanzo di Kafka, assoluto capolavoro letterario del Novecento. Il racconto è articolato in modo da essere incentrato sul rapporto e il dialogo, praticamante a senso unico, ma non per questo sterile, tra la donna di servizio, Anna, e Gregorio il figlio dei padroni, i signori Samsa, trasformatosi da un giorno all’altro, inspiegabilmente, in un insetto.

Il perfetto Gregorio, bravo studente prima, impiegato modello poi, assicura un certo benessere a tutta la famiglia, ma improvvisamente si sottrae al suo ruolo diventando l’opposto di quel che è:  muta in un essere ripugnante, inutile e incapace di interagire e convivere con il mondo circostante.

Ad Anna, interpretata da una sublime e spassosa Giuliana Lojodice, è affidata la cura del povero Gregorio, ormai rinchiuso in una stanza, ridotto ad essere solo un peso per la famiglia, una vergogna da nascondere.

Ed proprio su Anna che, progressivamente, si sposta il punto di vista della storia. Inizialmente solo curiosa, poi inorridita e pietosa, finisce per essere l’unica persona che si affeziona e capisce, che prova tenerezza, per quel che è divenuto Gregorio.

Un crescendo che culmina nella resa finale di entrambi, quando Anna mostra, sotto l’aspetto superficiale e rude della "serva" chiacchierona che "non si lascia incantare dalle poesie" (quasi un personaggio da commedia dell’arte), un animo capace di amare e capire, di andare oltre le apparenze e le diversità.

 

di Vitangelo Moscarda

 

Valerio Neri

 

http://www.info.roma.it/eventi_segnalati_roma.asp

 

I commenti sono chiusi