22 Gen 2007

La solitudine

Scritto da Blog Admin

E’ la mia convivente. E’ una buona convivente. Non si può dire che sia invadente; è molto discreta anche se ti sta sempre addosso e non ti molla un secondo. Non le si può rimproverare di non lasciarti libero di fare quel che vuoi. E poi non fa chiasso, non occupa il bagno, non scalda nel letto, è vero, ma non ha nemmeno i piedi gelati. E’ un camaleonte che può mimetizzarsi, ed è come se non ci fosse, o girarti per casa assumendo ora l’aspetto di Bellucci, ora di Mazzamauro. Il trito e ritrito paradosso del sentirsi soli in mezzo alla gente non c’entra nulla, quello è un problema con se stessi, una sensazione post traumatica… non una convivenza serena come la nostra. Un rapporto libero, da amanti, lei è molto più fedele di me… mi è quasi devota, mi aspetta paziente, tanto sa che non mi allontano troppo. Io la tradisco spesso e penso sempre che le darò il benservito un giorno di questi. Ma lei serafica mi guarda mentre mi preparo per uscire con una nuova fiamma, insacca le spalle e mi fa un sorriso tenero, o forse compassionevole, e mentre esco di casa mi dice un letterale “arrivederci!”… lo sa che tornerò e si beffa della mia provvisoria sicumera. Ci sono volte che mi arrendo alla sua costanza, anzi mi affascina… sento di potermene innamorare, e questo mi piace e spaventa insieme, come innamorarmi di chiunque altra. Significherebbe dedicarle tutto me stesso, rinunciare alle altre, e questo non mi va… ma lei mi ama, vuole il mio bene e mi promette di non farmi male, di anestetizzare i miei nervi scoperti, di riemerginare le mie ferite, di curarmi e di farmi scudo. Ieri sera ad esempio ho snobbato la Bellamazzone e ho deciso di passare la serata in casa con lei e siamo stati bene. Abbiamo visto un film romantico, io l’ho trovato quasi commovente e lei ha riso di me, mi ha sussurrato nell’orecchio “non farti ingannare romanticone, lo sai che certe cose esistono solo nei film… la realtà è un’altra cosa”. Sapevo che aveva ragione, ma no le ho dato soddisfazione e le ho risposto acido “lo vedremo!”… ma intanto mi sono accoccolato sul suo seno e ho affondato le narici nel suo profumo. Poi ci siamo addormentati abbracciati stretti. Ho pensato che raramente una donna mi ha stretto con tanto amore, e quando mi ha detto “se vuoi sarò per sempre tua…” ho pensato che lei è l’unica che può dirlo sul serio, l’unica a cui puoi credere ciecamente.

di Valerio Neri

Sottoscrivi Commenti

50 Commenti to “La solitudine”

  1. [bello] :-*

     

    barbara

  2. Mi hai messo KO con questo post…e pensare che prima di leggerlo mi sentivo così allegra, quasi “felice”. Mi son venuti i brividi Valè…è così reale e vero tutto ciò che hai scritto. Rispecchia la realtà di molti…

     

    Alessandra

  3. un pò malinconica come dichiarazione d’amore, forse perchè nonostante ti affascini non la vorresti per sempre…

    abbiamo pure imparato a scrivere romanticamente…ahhhhhhhhh avvocà, siamo cresciuti!!!

     

    grisù

  4. Hai per amante una ninfa, creatura eterea, una schiava fedele ed appagante.
    Ah se il surreale diventasse reale!
    Qui si dovrebbe scrivere di politica,invece
    tu chiamale , se vuoi
    emozioniii…..

    ephkaristò poli
    adlo

     

    telemaco

  5. ….bleaaaaaaahhhhhhh….dottoreeeeee!!!!insulina, please

    ;D

     

    antò from the north side

  6. buongiorno a tutti
    mi spiace se ho intristito la mattinata a qualcuno… Ale mi spiace :) del resto
    non voleva mica essere un post tanto drammatico…
    cercavo anzi di ironizzare anche un po’… tanto è vero che il caro Antonio stavolta (meno male sennò iniziavo preoccuparmi) non ha intercettato la mia frequenza… insulina? quando mai! ti sembra un post zuccherino? è fiele.. :)
    non farti ingannare da GRISU’ “cuore di miele”… che vede romanticismi in ogni dove :)

     

    vitangelo moscarda

  7. No Vale, non ti preoccupare (perchè ti eri preoccupato vero? :) )…mi è ritornato il sorriso…ho trovato 10 euro per strada. Embè, ora so proprio ricca!!!! :)

     

    Alessandra

  8. no senti, ora titiri indietro….mica ho scritto io in salsa romantica, melanconica, di dolce attesa…..

    che poi vuoi dire che sono romantica….vabbè lo ammetto, ma c’ho pure un’amica come Ba che mi raddrizza subito!!! :P

     

    grisù core de che???

  9. Con discrezione evitando di turbare la tua amante.. evanescente e dolce ..ti lascio un bacio ..ed un?idea di addio da dedicarle quando la lascerai per affondare le tue narici in altri profumi e a tratti, in coda al tempo, ti assalirà la nostalgia di lei
    ?se tu mi pensi
    ovunque io sia
    io sono i tuoi sensi
    che corrono via
    su un sole di campi
    in un tuffo in apnea
    su un covo di lampi
    in alta marea?

     

    Lu

  10. … e alla fine si torna sempre da Lei… da Lei che ci accoglie come se non l’avessimo mai lasciata… da Lei che sa che in fondo non la lasceremo mai… dolce Solitudine.. così odiata, così amata… ma così unica e così nostra… l’unica con la quale possiamo parlare della nostra Anima, soli davanti ad uno specchio mentre sul nostro volto si è formata una nuova ruga…

     

    gabriel

  11. Buona settimana, besos, Jenny

     

    jennynutella

  12. Ma che simpatica convivente che hai! La cosa strana è che è anche la mia migliore amica, ormai non riesco più a starne senza ;)
    Post molto ironico! Complimenti!

     

    Darkstar

  13. …spenta..! mi è appena arrivato un libro quindi oggi mi dedicherò alla lettura…il libro è di Federica Bosco una lettura leggera ma piacevole..^^

     

    Sara

  14. Darkstar … giù le mani dalla mia sfitinzia!
    Con quella zocc… poi facciamo i conti quando torno a casa!! ;)
    scherzi a parte benvenuto e grazie

    benvenuti e grazie dei commenti anche a Telemaco e Gabriel senza link… ripassate mi fa piacere…

    Lu ormai mi snoccioli citazioni che una bellezza :)

    Alessandra.. che culo! de sti tempi pure 10 euri… hanno il loro porco perchè :)

    Antonio mi sarai mica andato in coma diabetico? sei ipocondriaco… effetto placebo…

    Grisù ribadisco è uno pseudo romaticismo… ironico… Barbara redarguisci Grizucchero

     

    vitangelo moscarda

  15. E io sono contenta di aver conosciuto te e il tuo blog.
    Corro subito a leggerlo il tuo post dedicato nonna Daria.
    Ti lascio un bacio

     

    picciosa77

  16. Grazie per il benvenuto!
    Tornerò a trovarti!
    Cmq, mi sa che la tua convivente è anche un po’ bisessuale, perchè altrimenti nn verrebbe a trovare me…hihihi

     

    Darkstar

  17. beh allora non c’è da essere gelosi :)

     

    vitangelo moscarda

  18. In questo caso è stata solo una improvvisa idiosincrasia ai condizionali …
    e…convieni…fortunato tu uomo! Sai? potevo citarti il non so chi che se ne è andato della Pausini (!!!) ahahah

     

    Lu

  19. Si chiamava Marco quello della Pausini che se n’è andato e nn ritorna più ;)
    Caro Vitangelo, credo che nel mio blog si capisca dopo un nanosecondo se sono f o m: troppa sensibilità e riflessioni strampalate per essere un uomo!! :D
    Buon lavoro
    ps: tu in ufficio e io a casa (in Irlanda, per inciso) in attesa del coro stasera: un appuntamento saltato oggi mi ha reso la giornata praticamente sterile e mi crogiolo nella mia pigrizia…quasi quasi mi faccio un pisolino…

     

    Darkstar

  20. Che fai sfotti? ;)
    era la prima volta che finivo sul tuo blog e ho letto l’unico post dal quale non si deduceva la tua sessualità :)
    quanto alla “tua spiccata sensibilità che si contrappone al gretto materialismo maschilista”…
    di questo abbiamo discusso pochi post fa…

    Convessità elettive… ovvero la metafisica della schiuma.
    Mercoledi 13 Dicembre 2006 ore 19:13:52
    http://vitangelomoscarda.blog.tiscali.it/ph3035482/
    dove nonostante il delicatissimo argomento pensa camminado sulle uova sono riuscito a non far alterare neanche la mia cara ma temibile amica “occhiomaschiochetegonfio” Grisù :)

     

    vitangelo moscarda

  21. Ci ho provato a spedirti quanto mi hai chiesto ma la risposta del serever è questa…
    Questi destinatari sono stati elaborati dal server di posta:
    vitangelomoscarda@tiscali.it; Non riuscito; 5.2.2 (casella di posta piena)
    per cui se gentilmenti mi scrivi in contattami e mi fai avere un’altro indirizzo oopure svuoti la casella
    ciao ca…

     

    carola

  22. Prenderti per il sedere io…? proprio te! mia cara Grisù… non oserei mai… ;)

    Carola: fatto!

    Lu: certo potevi anche citarmi Laura non c’è, che è andata via anche lei…? con il Marco della Pausini, forse…? potevi citare salendo già un pochino di tono la “Bella signora” di Morandi…

     

    vitangelo moscarda

  23. Caro mio…mi sa che la tua cara solitudine ha una vita segreta…è la/il compagna/o perfetta/o per un sacco di gente…compresa me…:-)
    Bel blog…complimeti… ritornerò…
    Bye Paola

     

    Paola

  24. Descrizione precisa e molto vicina alla realtà, anche per me… ahimè!
    Non ho resistito e sono venuta a leggere nonostante gli avvertimenti ;-)
    CIAO

     

    LaVale

  25. buongiorno, uin effetti l’ho letto velocemente

    non ho intercettato l’ironia, no, ma un po’ di “profittabilità” si…ià che ultimamente hai giocato parecchio sulla sensibilità, quasi quasi vedevo gli occhioni di qualcuno che ti leggeva ;DD

     

    antò

  26. Grazie per il passaggio, non disturbo oltre, immagino tu sia in compagnia, non vorrei dire, ma la tua tipa la si conosce in tanti, in ogni caso buon per te, devi essere tra i suoi preferiti, vista la devozione che ti riserva, ben corrisposta, peraltro…
    A presto
    Sonya

     

    Sonya

  27. Benvenute Sonya e Paola… spero ci si “veda” spesso. Quanto a LEI… beh si è già osservato che pare sia un po’ zoccola, bisex trans ermafrodita… ma io che sono un po’ ingenuotto ho sempre creduto che fossere tante sorelle gemelle… ;)

    Vale… spero che l’ironia sia stata sufficiente a compensare la tristesssssa…

    Antò… vedic he se ti applichi… :) ma ti faccio una concessione anche io… in effetti mi sono un po’ intenerito ultimamente… oddio anche se oggi sono di un incazzato che se scrivessi un post sarebbe atnto acido che vi corroderebbe i pc

    __________________________________________
    Dopo aver citato tra il serio e il faceto nell’ordine Pausini Nek Morandi e Baglioni… eleverei il livello :)

    Ognuno sta solo sul cuor della terra
    trafitto da un raggio di sole:
    ed è subito sera

    Salvatore Quasimodo, Ed è subito sera
    in Acque e terre

     

    vitangelo moscarda

  28. Ho riprovato a rispedirti il tutto…
    all’indirizzo che mi hai segnalato
    (spero che questa volta arrivi)

    ciao ca…

     

    carola

  29. Che paraculo…

     

    med

  30. Grande…il tuo commento è stato grande! Come rido!
    Stagno limoso del recesso economico…wow!
    Sempre più convinta che mia madre prima farebbe un interrogatorio di terzo grado, con tanto di luce piazzata davanti la faccia, visto i miei precedenti sentimentali..previene lei!!

    Ciaoooooo

     

    picciosa77

  31. ci tengo a farti sapere che l’ho letto.

     

    paola

  32. Beh…nella mia colonna sonora ce ne mancano tante di cose, ma mi vengono in mente sempre mentre sto altrove… :)

     

    picciosa77

  33. Sì ero io…te pare..

     

    Paola

  34. devo dirti caro vecchio..che alla fine..la solitudine la si aprrezza quando non la si ha..per sbagli o scelte obbligate…
    la vera solitudine..sempre che vi sia..alla fine certo sarebbe trsite..ma questa..anke se a volte sembriamo davvero soli nella confusione…è solo differenza dalla marea
    beato te..direi!

     

    Nik

  35. sa dare calore ed è gelida, la solitudine, a volte rassicurante, altre disperante, ci sono giorni in cui la odio e la vorrei cacciare, ma lei mi avvolge nelle sue spire crudeli, ci sono momenti in cui anelo a lei, la desidero e vorrei accoccolarmi tra le sue braccia rassicuranti.
    devo ancora incontrare qualcuno che sia migliore, però…

    ciao

     

    bluantho

  36. Grazie della bella serata Valè!

     

    Paola

  37. vorrei articolare saluti commenti amenità etc etc.. ma causa dormita zippata… nun je la fo!
    quindi accontentatevi di un
    Buongiorno a tutti!

    V.

    P.S.: Ah, dimenticavo! anche se il fatto è lapalissiano* e la precisazione quindi pleonastica… l’amantente di cui parlo nel post è la personificaziione della solitudine… in altre parole trattasi di metafora :)
    qualcuno (più di uno) non lo aveva capito… nn faccio nomi :) )))))

    *un giorno voglio scrivere un post si Monsieur de Lapalisse … uno rimasto nella storia per dire ovvietà!! no ma vi rendete conto? a suo modo un genio!

     

    Vitangelo Moscarda

  38. ah Paola grazie… ma ti ricordo che sei una donna sposata ti sembra prudente confessare pubblicamente certe cose? :)

     

    vitangelo moscarda

  39. Grazie della bella serata Valè!

     

    barbara

  40. grazie della bella serata Valè!

     

    grisù

  41. grazie per la bella serata Valé!
    ;)

     

    ..signora greca..

  42. quante donne soddisfatte in una serata…
    se continuate così mi fate fare la figura del gigolò… del bravo gigolò! ah ah :)

     

    vitangelo moscarda

  43. venghino, signore venghino, vendo posti di platea per la prossima serata da donne finalmente soddisfatte!!!!

    NOn ve ne pentirete

    ho le prove che questo non è solo un uomo, no no, è una furia!!!!

     

    grisù

  44. mi astengo dal commentare:
    smentire non mi conviene…
    confermare sarebbe da sborone…
    quindi “così è se vi pare” :)

     

    vitangelo moscarda

  45. Uè, grazie di non aver fatto il mio nome fra i rinco che non avevano afferrato al volo chi era il soggetto della storia… l’uso di droghe pesanti in associazione a psicofarmaci non sono proprio il massimo per la lucidità mentale ;)

    Per quanto riguarda Monsieur de Lapalisse direi…meglio soli…o no???

    Un superciaooooooo

     

    L'unica, vera, Grisù...

  46. la soliudine, io non la conosco
    milens

     

    arteeparte

  47. la soliudine, io non la conosco
    milens

     

    arteeparte

  48. secondo me tutti i bloggers un po’ la solitudine la conoscono… anche se non quella di cui parlo qui…

     

    vitangelo moscarda

  49. ciao sig. Moscarda….arrivo in ritardo a leggere questo bellissimo post.
    mi hai fatto piangere lo sai? va bhè che sono stata un po’ tutta la mattinata lacrimosa…ma questo post che poi alla fin fine con la tristezza non dovrebbe aver tanto a che fare…mi ha emozionata e commossa.
    cosa mi ha più intensamente colpita?
    in questo momento senza punti fermi, senza riferimenti, senza certezze…
    “se vuoi sarò per sempre tua?” ho pensato che lei è l’unica che può dirlo sul serio, l’unica a cui puoi credere ciecamente.
    Vorrei che esistesse anche per me un “amico-amante” solitudine, uno che mi volesse bene e non cominciasse ad infierire mettendomi invece paura.
    ripenso sempre ad una frase: la solitudine è un diapason: se stai bene da solo stai benissimo, se stai male da solo stai malissimo.
    ne deduco che – come si capiva anche dai tuoi post precedenti – questo è un buon periodo per te..stai bene con con te stesso e questa è una delle fortune più grandi per un essere umano…invece per quanto riguarda la sottoscritta c’è ancora molto lavoro da fare.
    buon fine settimana caro sig. Moscarda,
    smile
    Angy

     

    io

  50. Ma guarda quante stelle questa sera fino alla linea curva d’ orizzonte,
    ellissi cieca e sorda del mistero là dietro al monte:
    si fingono animali favolosi, pescatori che lanciano le reti,
    re barbari o cavalli corridori lungo i pianeti

    e sembrano invitarci da lontano per svelarci il mistero delle cose
    o spiegarci che sempre camminiamo fra morte e rose
    o confonderci tutto e ricordarci che siamo poco o che non siamo niente
    e che è solo un pulsare illimitato, ma indifferente.

    Ma guarda quante stelle su nel cielo sparse in incalcolabile cammino:
    tu credi che disegnino la traccia del destino?
    E che la nostra vita resti appesa a un nastro tenue di costellazioni
    per stringerci in un laccio e regalarci sogni e visioni,

    tutto sia scritto in chiavi misteriose, effemeridi che guidano ogni azione,
    lasciandoci soltanto il vano filtro dell’ illusione
    e che l’ ambiguo segno dei Gemelli governi il corso della mia stagione
    scontrandosi e incontrandosi nel cielo dello Scorpione ?

    Ma guarda quante stelle incastonate: che senso avranno mai, che senso abbiamo?
    Sembrano dirci in questa fine estate: siamo e non siamo
    e che corriamo come il Sagittario tirando frecce a simboli bastardi,
    antiche bestie, errore visionario, segni bugiardi.

    C’ erano ancora prima del respiro, ci saranno alla nostra dipartita,
    forse fanno ballare appesa a un filo la nostra vita
    e in tutto quel chiarore sterminato, dove ogni lontananza si disperde,
    guardando quel silenzio smisurato l’ uomo… si perde…

     

    stelly