17 Gen 2007

L’aumento de stipendio

Scritto da Blog Admin

La pasquinata di Vitangelo Moscarda

“Me scusi sor padrone se disturbo

Ma si nun je paro troppo superbo

Le chiederei un aumento de stipendio

Lei capirà, avoja io a fa compendio

Ma la paga pe’ arrivà a fine mese

Non è mai ‘na lira in più de le spese

E daje ‘na rata oggi, ‘na bolletta domani

Manco c’avessi li buchi su le mani..”

 

“Fijo mio io te capisco e t’ho ner core

Che da fame tutti qua tra un po’ se more

E nun crede: stamo tutti sulla stessa barca

pure io che so padrone faccio vita parca”

 

“no pe’ esse irriverente, del lavoro mio datore,

Ma io su la barca sua, che è vera grossa e a motore

Nun ce so mai salito, ma manco je la ‘nvidio

Ma er problema è che qui, capimose, stamo ar bivio

 O voi padroni c’aumentate er cedolino

O prima o poi scoppia un gran bel casino

Non è pe’ minaccia, se figuri commendatore,

ma quanno è che lo stomaco principia a fa rumore.. ”

 

“ma che voi sottoposto? Protesti? Ingrato!

Io te do er lavoro e te mantengo stipendiato

E te do la prospettiva che si sgobbi e sei paziente

Presto o tardi fai ‘na carriera da dirigente…”

 

“padrone me perdoni il mio parlare ardimentoso:

cor macellaro er condominio e la banca so moroso

e con la promessa della “crescita professionale”

nun ce pago la verdura e manco ‘na cambiale!

C’ho come l’impressione che qui se gira la frittata,

ma che le dico forse se meritamo sta maltrattata

che sti novi lavoratori de ste ultime generazioni

tanto più avemo studiato e tanto più semo cojoni

e niente avemo imparato dalla storia e dar passato

li nostri nonni pe’ du diritti er sangue hanno versato

e a noi ce pesa forse sta capoccia piena de cazzate

che credemo a tutte ste fregnacce che ce raccontate

voi padroni, co li politici li finazieri tutti quanti insieme

daje a raccontacce un monno fatto come ve conviene;

 

ma troppo state a tirà la corda e si se spezza se svejamo:

e magari la coscienza rintronata de tivvù se ripijamo

e scoprimo ch’er potere nun ce l’avete: noi ve lo concedemo,

er lavoro poi nun ce lo date pe’ favore ma noi ve lo vennemo,

quanto poi a li sordi che arroganti e cafoni ostentate

pure quelli so nostri che ce l’avete rubati e pazientate

che si ce gira er chicchero pure quelli se li ripijamo

co la promessa, che pe’ fa spesa, se state boni ve li ridamo”.

di Valerio Neri*

Riferimenti: Chi è Pasquino

Sottoscrivi Commenti

15 Commenti to “L’aumento de stipendio”

  1. mi piacque assai signò e purtroppo è sacrosanta!

    ti trovo ispirato, poeta incazzato ma in rima baciato. Siamo in formissima eh???

    baci

     

    grisù

  2. embè, gira che ti rigira la frittata quella è…

    guarda me dove sono andato a finire pe’ fa la spesa :(

    signorina là sopra, ma com’è che non passa mai dalle mie parti?!?! ;P

     

    ;D

  3. e vabbè ma pure tu…arrivi fresco fresco e vuoi l’aumento. Non te l’hanno detto che prima devi fare 20 anni di gavetta? Certo che hai delle pretese assurde…vuoi i soldi per mangiare…ma che ti mangi? mettiti a dieta! Le bollette? Fai come facevano una volta…usa le candele! Ne devi fare di strada bello mio!!

     

    Sally

  4. me lo sentivo che dovevo passà
    a vedè che stavi a fà!
    ummmm….ma sà che le dico?
    non è la prima volta che la leggo cimentarsi nelle rime egregio sor Moscarda, ma devo dire che è come er vino…migliora nel tempo!
    e poi….
    last but not least
    W Pasquino…l’anima de Roma ieri, oggi e domani!
    un sorriso piccolo…sò tempi de’ micragna, :-)
    angy

     

    io

  5. Parafrasando Eduard Jurist direi che “L’uomo-Padrone è colui che lavorando per il vostro bene ottiene il suo.” Fottendoti col sorriso sulle labbra, in ogni caso. Un abbraccio, Jenny

     

    jennynutella

  6. E? chiaro che la cosa se ripete,
    da tanto tempo, tanto, sarvognuno,.
    ma ?n modo pe sfangalla bene bene,
    finora, pare nun ce l?ha nisuno.

    Sti, versi si nu sbajo, c?hanno secoli,
    de acqua ne è passata sotto i ponti,
    ma li padroni oggi so i medesimi,
    e se li fanno bene, loro, i conti.

    Noi annamo a spigne tutti i santi giorni,
    co la moto, la metro oppure a fette,
    e ala fine der mese so mazzate,
    na speza pazza nun te la poi permette.

    Ma spero verà er giorno, santoddio,
    che se rivorterà la sorte avversa ,
    e vedremo sti puzzoni finarmente,
    co l?occhio spento e co la faccia persa.

     

    medusa

  7. Problemi finanziari? I creditori ti inseguono ed i debitori scappano? Non sai come pagare la carta igienica? L’euro è impazzito? FATTI UN TEST!

    PS – Ti ho visto di passaggio su msn, solo che poi si è scassato il picci (bella scusa): Ad ogni modo, spedisci mail e confidami tutti i tuoi segreti (400? per battuta, e non dire che è caro!).

     

    merit_merit

  8. Notevole sortita in romanesco sor Moscarda! eh no purtroppo non sono versi che stanno a cavacecio della fantasia ma della realtà per associazione di idee mi viene in mente il buon vecchio Trilussa che nella sua L’uguajanza chiosava
    “spalanca l’ale e viettene per aria: se nun t’abbasta l’anima de fallo io seguito a fa l’Aquila e tu er Gallo”

     

    Lu

  9. Simpaticissima!
    Un saluto.

     

    Nino

  10. Ciao ragazzi come va?
    grazie come sempre delle visite, dei saluti, dei commenti e dei complimenti… sempre graditi!

    Il sonetto in rima romanesca è una mia vecchia passione… me erano anni che, brevi rime scherzose a parte, non ne scrivevo…
    volevo scrivere un post su alcune mie novità lavorative (una proposta da banditi per dirla con Lotito…) e per vostra fortuna m’è presa di metterla in poesia e non in prosa… con grande risparmio di frantumazione di balle da parte vostra…
    siatemene adeguatamente grati :)

    buona giornata
    Valerio

    P.S. apprezzatissime citazioni da “chapeau” di Jenny e Lu e la risposta in rima del vecchio Med…

     

    Vitangelo/Valerio

  11. ahahahahahhahahah
    vecchio Med……stai a cercà rogne….

     

    grisù

  12. che bella la rima romanesca….e va bene, sono di parte però…

    si effettivamente mi consola parecchio

     

    phebe

  13. …forse mi avrebbe risposto con questa:

    Er primo Pescecane

    Doppo ave’ fatto l’Arca
    Noe’ disse a le Bestie:-Chi s’imbarca
    forse se sarvera’, ma chi nun monta
    si’ e no che l’aricconta.
    Perche’ fra pochi giorni, er Padreterno,
    che s’e’ pentito d’ave’ fatto er monno,
    scatenera’ un inferno
    pe’ rimannacce a fonno.

    Avremo da resta’ sei settimane
    tutti sott’acqua: e, li’, tocca a chi tocca!-
    Ogni bestia tremo’. Ma un Pescecane
    strillo’:-Viva er Diluvio!- E apri’ la bocca.

    da LE FAVOLETTE
    di Trilussa, pseud. di Carlo Alberto
    Salustri (Roma,1871-1950).

     

    Trilussa...

  14. Un gran bel bacio a un verseggiatore davvero ispirato.
    Felice di condividere con te passioni musicali.
    M.

     

    [Sdos]

  15. ciao, boehmnienne de noantri, accà nu filosofo poveriello se trova a parrà a sulo cull’unico amico ca ‘o segue tuorno tuorno..mr.calazascarpe ;D

     

    antò