7 Apr 2005

Le notizie che nessun telegiornale passa

Scritto da Blog Admin

Ovvero la vera storia dell’olio di colza. 

La F.i.a.t. la General Motors e l’olio di colza

Sapete cos’è l’olio di colza?

Un olio vegetale che costa meno di un euro al litro che potrebbe essere venduto all’alimentari e ha la caratteristica che se lo versi nel serbatoi di un disel rende di più del gasolio, e… praticamente non inquina. Qualcuno si chiede perché la sua vendita è “quasi vietata”. Ve lo racconto io: Saputa la notizia e fiutato il buisness, un gruppo di lavoratori appartenenti alla sezione della CGIL della ridente località di Capracotta, aveva dato vita ad una cooperativa sponsorizzata dal comune stesso dedita alla coltivazione della Colza e alla produzione del miracoloso carburante… l’impresa andava a gonfie vele nonostante le intimidazioni giunte alla Cooperativa, quindi qualcuno penso di passare dalle minacce velate a quelle esplicite… non sto qui a dirvi come una rapida escalation ha portato addirittura Bush a dichiarare guerra al comune montano di Capracotta. Dopo il rifiuto della CoopColza di rispettare l’ultimatum statunitense, sul segretario della sezione e presedente della cooperativa, Pasqualino Tritabazzi fu Carmine, additato come uno dei 30 terroristi più pericolosi del mondo, l’F.B.I. ha posto immediatamente una taglia di un milione di immaginette di padre Pio… subito un centinaio di mendicanti del beneventano e di vecchiette del foggiano si sono armate da cacciatori ti taglie e sono partiti al grido di “deus non vult”. Una squadriglia di jet americani intanto è decollato dalla base navale di Pratica di Mare minacciando di bombardare la zona con pericolosissime armi biologiche… organismi viventi devastanti: cavallette del Biferno! Ma stoicamente la montanara compagine molisana resisteva. Tuttavia i valorosi compagni, sostenuti intanto anche dalla potente sezione dei Verdi Sole Che Ride di Isernia (tre iscritti… di cui uno però cintura arancione di Karate), sono stati sull’orlo di capitolare quando il noto Dott. Scotti, prezzolato dal s.i.s.m.i., su pressioni del s.i.s.d.e., su ordine dei federali della Georgia ha diffuso la voce secondo la quale con l’olio di riso scotti si fanno 45 km con un litro irrorando di vapori balsamici l’aria circostante. Alla notizia la CoopColza di Capracotta si è sentita persa… gli affari sarebbero andati in fumo, sarebbe stata meglio arrendersi. Ma proprio mentre erano pronti a firmare la resa è arrivato l’aiuto dal mare: le rappresentanze sindacali unitarie della Fiat di Termoli, infatti, sono intervenute a sostegno della CoopColza smascherando l’inganno e minacciando lo sciopero generale durante la campagna elettorale. A quel punto è preso un colpo a Berlusconi che ha pensato bene di evitare di perdere un altro 10 % di voti e (prendendo un attimo ad interim il ministero del welfare) ha cercato di dirimere la questione. La trattativa per la firmare la pace è avvenuta a Teano: Berlusconi ferito ad una gamba da un morso di Bossi, inviperito contro la Coop terronica e contrario all’intervento del premier, si è presentato al cospetto di Bush dicendo “obbedisco!”… Bush stizzito pare lo abbia ripreso perché il tono non era sufficientemente servile! All’incontro erano inoltre presenti il delegato Cgil della Fiat di Termoli, Pasqualino Tritabazzi e i preseidenti di Fiat e General Motors… e si è giunti a così alla pace alle seguenti condizioni: Bush farà in modo che tutte le auto di stato in Iraq saranno della G.M., G.M. ha rinunciato alla Fiat, la Fiat ha tolto dalla mobilità 50 operai di Termoli tutti iscritti alla CGIL, la CGIL ha nominato Tritabazzi segretario regionale del sindacato e delegati tutti gli altri consociati della CoopColza, la Coopcolza ha cessato di produrre il carburante e fare concorrenza alle 7 sorelle; le 7 sorelle finanzieranno le prossima campagna elettorale della famiglia Bush… e tutti vissero felici e contenti… o quasi… Vitangelo Mostarda

 

__________________________________________________________

E’ solo un articolo satirico, ogni fatto o circostanza ivi narrato è solo frutto della mia insana fantasia!!

Tana libera tutti!
 

Riferimenti: saperne di più

Sottoscrivi Commenti

42 Commenti to “Le notizie che nessun telegiornale passa”

  1. Ma scusa ora a queste 7 sorelle bisogna trovare 7 fratelli…altrimenti rimangono zitelle, poerelle! :)
    Certo che non c’è molto da ridere anche se hai raccontato la cosa in maniera molto divertente…meditiamo gente, meditiamo!

     

    sally

  2. Sono io che ti ringrazio: ho scoperto un blog piacevolissimo e sono felice di aver ispirato un post esilarante, come ogni “riso amaro”.
    Ciao, M.

     

    Manouche

  3. Avevo letto il post di Manou e mi aveva dato da pensare, ma certo trovar nuovamente la tua verve….è spettacolare!!

     

    grisù

  4. Ciao ragazze…
    grazie dei complimenti me li prendo tutti perchè sono un vanesio… hihihi
    scherzo, ma in effetti sono contento di aver un po’di ispirazione, perchè ultimamente mi era un po’ mancata… e dopo un qualche tempo che i miei ingranaggi si bloccano mi preoccupo…
    Manouche grazie dell’olio!

     

    Valerio

  5. Ahhhh… dimenticavo:

    la discussione
    sul post precedente
    è aperta continuate pure a commentarlo…
    leggo e rispondo!

     

    Valerio

  6. Buon week-end più un bacetto

     

    danydonna

  7. già,della colza ne sento parlare spesso,ultimamente,purtroppo solo tra le righe della disinformazione come qualsiasi altro argomento davvero degno di nota..
    ps:meno male ke a te e tornata la verve,io mi sa devo cominciare col doping se no nemmeno a pagamento lo scrivo un post ;)

     

    bud

  8. Grazie di essere passato da me, ti ho risposto.
    Buona giornata a te.

     

    Amfortas

  9. A Valè, grazie del buongiorno, ma non potevi dirmi qualcos’altro?????? E su, già sò depressa….scherzo!!! Un bacione

     

    grisù

  10. buongiorno valè

    ps:hai sentito 003? quella che va in giro a dire che io mi lamento…eppure a me basterebbe un lavoro leggero e ben retribuito, una casa in città e una in campagna, una macchina con i seggiolini e le porte e le frecce intere, qualche chilo in meno, qualche capello in più, un materasso più morbido, qualcuno che mi scenda a comprare le sigarette e qualcun altro che mi facesse un altro caffè.. ;DDDD

     

    bud

  11. Buongiorno a tutti!

    in effetti Bud/002 non chiedi tanto, non mi pare proprio: il minimo essenziale.
    Cmq se trovi un modo per ottenere queste bazzecole… me lo confidi?
    Grazie di cuore

    Draghetto/003 suvvia non vorrai deprimerti per così poco… allora Bud cosa dovrebbe dire? chiede così poco e non lo ottiene! Vuoi lamentarti tu per un piccolo deficit di romanticismo.. tse.. se poi il week end vai in giro a “rissare” come pretendi di incontrare uomini romantici!! ;DDD

     

    Valerio

  12. parole sante,e dire che mi basterebbe una caffettiera che non pensa da sola qual è il momento giusto x far uscire il caffè…come si fa a cercare donne fortuna e lavoro con questa schifezza bruciata!bleahhh

     

    bud

  13. continuate pure….non capisco perchè vi siete fermati così presto!!!! Sgrunt!!
    Se non fosse per questo terribile mal di testa ve corcherei a tutti e due!!!

     

    003

  14. oi miss,i lamenti vanno gestiti bene,mica tutti assieme come i guai ma melodicamente associati ai momenti della giornata.ecco,ora mi chiedo,x esempio,perchè c’è il sole e nun c’ho niente da fare in giro mentre ieri da napoli a roma ha piovuto in tutte le tratte a capo scoperto?

    ps:e poi un po’ di credibilità, se mi lamento che nn ho lavoro e poi passo tutto il giorno in internet..mhm ;DD

     

    bud

  15. Ma lo vedi cara Grisù 003… minacci gli uomini di “corcarli de botte” e poi… ti aspetti in cambio romanticismo? roba da matti…

    Il povero Bud piuttosto, che sta lì ad accarezzare mesto mesto e rispettoso, la cornucopia di quella cieca bonazza, con la speme di ingraziarsela e riceverne mescite opulente… di lamentarsi ne ne ha ben donde!
    Tanto buon lavoro non ripagato!

    ;DDDD

     

    ponzio valerio

  16. Ohhhhhhh…ma quanta bella gente.
    Ciao Valè.

     

    merit

  17. Te lo dico qui per due motivi.
    Primo. Voglio essere sicuro che leggerai.
    Secondo. Mi piace l?idea di fare irruzione in casa tua, per la prima volta, parlando di un argomento che mi piace e del quale mi piace parlare.
    Sai perché non sono andato al JailBreak a vedere alcuni vecchi membri di band zappiane, che rifacevano anche Zappa?
    Perché erano alcuni vecchi membri di band zappiane, che rifacevano anche Zappa.
    Ma non erano Zappa.
    E questo atteggiamento lo adotto verso tutte le persone nei cui confronti nutro rispetto.
    I Led Zeppelin sono tra questi.
    In genere mi nauseano le cover band. Per brave e virtuose che possano essere, non raggiungeranno mai ciò che io pretendo da quell?assolo, da quel virtuosismo, da quel muro di musica come lo facevano i Led Zeppelin.
    Un muro di musica così come era in Whole Lotta Love dal vivo. Memorabile, monumentale esibizione del gruppo.
    Forse sono io che sono sbagliato, ma chiedere ad una cover band di riprodurre determinate emozioni, determinati stati d?animo o anche semplicemente di ?ripetere? delle cose fatte comunque con un?altra predisposizione, in altri tempi, con altri strumenti, sia ingeneroso.
    Poi se si va ad ascoltare senza nessuna aspettativa, penso possa anche andar bene.
    Ma forse sto solo sproloquiando.
    Ma a me piace fare castelli di musica.
    Comunque.
    Vai al Qube.
    Ci sono andato diverse volte anche io.
    Ascolti Radio Rock?
    Stessa radio?
    Stessi locali?
    Forse su qualcosa siamo simili…

     

    medusa

  18. No, sono lo stesso medusa che ogni tanto manda SMS a Prince Faster. Ho scritto per molto tempo anche sul sito di Faster, ma non so se sono ancora disponibili i miei interventi. Pappagallo, dopo un perido di simpatia, mi infastidisce un po’, il suo modo di fare radio non mi fa stare tranquillo. Non mi fa fluire. E comunque a quell’ora preferisco ascoltare i notiziari su Radio Città Futura.
    E ricorda, “una pietra che rotola non raccoglie, mai, sugo”.

     

    medusa dal laboratorio

  19. Angy la cozzetta non dimentica il suo caro Gengè…è solo stata un po’ presa da tante faccende…e poi pensa e ripensa a cosa scrivere sul post precedente, mi sà che ci scapperà un post nuovo di zecca. :)
    *Angy*

     

    io

  20. rispondo con un po’ di ritardo ma mi sono un poco informata
    sull’argomento…
    leggete
    http://www.zeusnews.it/index.php3?ar=stampa&cod=4031
    forse non e’ proprio tutto oro quello che luccica…

     

    stelly

  21. Buongiorno Valerio, ti ho “rubato” un post, spero non ti dispiaccia. Naturalmente metterò il tuo link…se solo riesco a capire come si fa, sono un pò imbranata ma ci provo. Magari prima di stasera riesco a postare! :)

     

    Sally

  22. Stelly e Sally… due link di miei veccchi post in poche ore…
    grazie, che onore…
    posso vantare di aver un blog che è come un buon vino… invecchiando migliora?
    Hihihi
    un po’ di sana autocelebrazione!!

    Buongiorno atutti
    Valerio

     

    vitangelomoscarda

  23. Ogni promessa è debito…

    Intanto rispetto doverosamente la tua opinione, anzi di più la apprezzo, perchè non è compatibile con l’ignoranza musicale… voglio dire sei un vero purista e di buoni gusti! Quindi complimenti! però sono un po’ meno radicale di te… nel senso che anch’io evito accuratamente le cover anche di buon livello di solito e tendo ad evitare conati di vomito finendo in locali dove ci sonon gruppi che non conosco che fanno cover…
    ma faccio due tipi di eccezione (sono meno purista forse…) quando le cover son riarrangiate e bene… tipo una volta ho sentito il repertorio dei Police e di Sting rifatto jezzato da un trio e mi è piaciuto veramente molto.
    E quando un gruppo è composto davvero di musicisti che mi da piacere sentir suonare a prescindere dai brani… e mi trasmette qualcosa…
    ecco se c’è un motivo per cui seguo spesso i Custard Pie citati è perchè sono davevro bravi e pur nel tributo originali… hanno la loro personalità suonano davvero bene… e ti diro che se chiudi gli occhi qualche volta…
    insomma per loro faccio eccezione! mi diverto proprio ad ascoltarli… e poi… particolare fondamentale:
    non andrei certo a sentire le cover di un un gruppo che posso ascoltare dal vivo… ma sai è difficile sentire gli originali live… anni fa sono partito per andare a sentire Page e Plant, a Milano (non so se ricordi la manifestazione musicale “sonoria”…) ma sai sono passati 10 anni!!
    Comunque se una volta vuoi provare a rischire un po’ di nausea… prova a sentirli. Al massimo te ne vai maledicendomi ;)

    Un tozzo di pane immerso nel sugo
    Valerio

     

    Valerio X medusa

  24. Valerio, hanno inserito il mio post in home page, sono blog day. Beh, grazie…sicuramente il merito è del tuo post! :)

     

    Sally

  25. Bene! Si forse sono un po’ troppo purista, come dici tu. Un mio collega proprio oggi, stavamo appunto parlando dell’evento di stasera, mi diceva delle cover dei Police fatte da un gruppo davvero bravo, immagino fosse lo stesso!
    Dovrei provare e forse neanche ti maledirei!
    Di Page e Plant uscì anni fa un bellissimo lavoro (a mio modo di vedere), mi sembra si chiamasse “No quarter”. Nell’album i due “vecchietti” misero insieme dei vecchi pezzi mitici riarrangiati e nuove canzoni. I musicisti erano tutti del nord africa. Bello. Lo conoscerai surely…

    E mettiamoci pure un buon bicchiere di vino rosso
    Medusa

     

    medusa

  26. In primis leva sto nero che già tra la partita di ieri sera, gli sfottò mattutini, il mio naso storto e …..vabbè, levalo che me fa tristezza!!! e poi il grande super inarrivabile 002 ha di nuovo elargito la sua arte…

     

    003

  27. bhè? prima mi tiri le orecchie e poi manco te accorgi che passo?
    ummmmmm……mi dovresti almeno sette-otto sorrisi per riprendere quota, e non far morire questa povera cozza!…e pensare che pure oggi è stata una giornataccia… :)
    bhè…buon lavoro Gengè

     

    io

  28. Angy… senti chi parla! Comunque mi sono accorto eccome… volevo passare a salutarti ma non ce l’ho fatta.

    Medusa
    beh io alla fine ieri sera al Qube c’ero… anche se il mio invito non ha avuto adesioni tra i bloggers… e come sempre sono rimasto soddifatto dai custard pie… che poi visto il contesto (serata radio rock) hanno dato sfogo alla loro parte più dura… hanno fatto una scaletta molto molto “cattiva”. In locali tipo il jailbreak scelgono qualche brano un po’ più morbido.
    Per altro conosco benissimo quell’album di cui parlavi No Quarter… la versione di Kashmir è qualcosa di sublime… la loro performance a Sonoria era proprio inserita nel tour di quel disco… con tanto di orchestra egiziana.
    Anche se di quel concerto ricordo soprattutto l’acqua e il fango… che woodstock …in confronto era Disneyland!!

    Bud e Grisù… la sòla era una punizione per le mie precedenti?

     

    Valerio

  29. Sigh, ed io che mi aspettavo un misero commentino!
    Cmq buon fine settimana, ci si rivede martedì. Pensatemi mentre vi divertirete, io starò a rompermi al seggio: tre giorni di fuoco!!!

     

    Sally

  30. Hai ragione, non ho avuto tempo a dire il vero.
    Sono molto contento per te e lusingato per me, che il tuo post contenente la mia poesia (oddio che parola grossa mi fa sempre tremare i polsi…) sia stato messo sulla home page di tiscali blog come post del giorno.

    Per altro si tratta di una eccezione assoluta che io abbia pubblicato una mia “poesia”, perchè non amo troppo far leggere le mie cose più private.

     

    Valerio x Sally

  31. Mai detto che sarei venuta!!!! NOn sono donna da sòle….(cresciuto il naso!!!) Contenta che ti sia piaciuto e in parte spiaciuta per l’assenza di me medesima anche perchè chissà quando mi ricapita questo incontro……
    Oggi vedo Bud alla faccia tua, pappapero!!

     

    grisù

  32. tesò non fare troppo il piacione! :-p

     

    stelly

  33. Volevo star zitto ma in tema di minacce te lo devo proprio dire…guai a te se mi fai un altro post come questo dove mi anticipi il tema del libro in uscita!!

     

    Devil Buio

  34. rieccomi…prime righe sul blog di questa nuova settimana.
    ora vado a prendere il caffè, ne prendo uno anche per te o preferisci un bicchierino di olio di colza?
    p.s.: conosco persone con il diesel…ma nessuno ha provato l’olio di colza, sai perchè? :)
    cia’ Angy

     

    io

  35. Aiutooooo
    giornata pazzesca e non sono riuscito ancora ad andare a mangiare un boccone…
    ed è ancora lunga!!

    a dopo spero!!

    ciao a tutti
    Valerio

     

    Valerio

  36. ciao vale,
    un bacio

     

    cri

  37. Aspetta e spera che poi s’avvera………..OPPURE….perdete ogni speranza voi che “aspettate una visita di Valerio” :) Ahahahah so troppo simpatica! Stasera sono super felice: abbiamo vintoooooooooooooooooooooooo!!! Bandiera rossa che trionferà viva il comunismo e la libertà! O bella ciao bella ciao ciao ciao….
    Sono alzata dalle 5 e sono tornata 10 minuti fa dai festeggiamenti. Al seggio ero praticamente distrutta ma, dopo lo sfoglio, tutta la stanchezza è passata. Solo ora mi rendo conto di non sentirmi più i piedi ma…chi se ne frega!!!!!!

     

    Sally

  38. …ancora sto nero….UFFA!!!!!

    un saluto a tutti

     

    Manu

  39. sto nero???
    ma se c’è appena stata la fumata bianca…
    mmm
    chi sarà questo nuovo papa?
    mah…
    so’ curioso!

    ciao a tutti

     

    Valerio

  40. Vabbuo’ visto che c’è un nuovo Papa…
    adeguo la veste grafica…
    bianco ovviamente!

    Cavolo però al di là di tutte le convinzioni o i dubbi, convinzioni fideistiche o atee…
    non si può negare che è un momento storicamente incredibile… almeno per chi, come me, di conclavi ed elezioni papali non ne ha mai sentito parlare se non dai libri di storia.

    Che ne so è come essere sulla collina e vedere dall’alto una battaglia storica…

     

    Valerio

  41. Che ne pensi di questo nuovo Papa?
    Dai su, apri una bella discussione su Papa Benedetto XVI!

     

    Sally

  42. sebbene questo post risalga a circa 4 anni fa:
    io-non-ci-sto….come direbbe Scalfaro…
    dileggiare così una ridente località montana, non più mondana….come l’albertone nacional ci insegnava ai tempi del conte max..
    Ad ogni modo Capracotta è il paesino dei miei, piccino picciò, pieno di neve, di freddo a 1500 mt s.l.m.
    che significa senza lana muori
    ad ogni modo
    una violenta maledizione al sapore di colza si abbatterà su di voi, ehehhe
    vabbò
    un saluto,
    Marco

     

    Nelson